Saluki: storia e caratteristiche

saluki

Il saluki è probabilmente la razza canina più antica tra quelle conosciute. È stata selezionata circa 7mila anni fa, nel periodo della così detta “Mezzaluna fertile” durante la preistoria. Si tratta di un levriero ammirato per la sua bellezza, la sua velocità e la sua resistenza.

Storia del Saluki

In base ai ritrovamenti archeologici, sappiamo che forme canine simili agli attuali saluki erano state selezionate fin dal periodo della Mezzaluna fertile, attraverso delle antiche raffigurazioni provenienti da Susa (una città antica attualmente corrispondente al territorio iraniano). Altri levrieri, sia tesem che saluki, risultano raffigurati in molti reperti egizi.

Nel Medioriente (territorio che comprende l’Egitto) i cani erano considerati degli animali impuri, ma il saluki veniva molto apprezzato dai beduini per via del così chiamato “bacio di Allah” una macchia bianca che si trova sul pelo del cane.

In talune circostanze il saluki cacciava in compagnia dei falchi: questi ultimi trovavano la preda, e il cane la raggiungeva e completava il lavoro. I beduini mediorientali selezionavano questi cani in base sia all’aspetto estetico e sia per le qualità in fatto di caccia. I loro saluki dormivano spesso in casa: in questo modo gli animali erano protetti dal caldo diurno e dal freddo notturno.

Nel 1840 il saluki venne portato in Inghilterra, ma non riscosse molto interesse fino a quando non giunse il primo saluki arabo nel 1895, dai canili del principe Abdullah in Transgiordania. I cani del re probabilmente provenivano dalle zone curde della Siria.

Caratteristiche Fisiche

Il saluki ha linee eleganti ed armoniose, ed è un levriero di taglia media. Ha un fisico agile e muscoloso, ed è abbastanza snello. Ha una costituzione solida, pur essendo asciutto. È più lento rispetto ad alcuni altri levrieri, ma in compenso è dotato di molta resistenza, e può avere un’andatura notevole anche percorrendo 4-6 Km senza fermarsi.

Ha un muso allungato, esattamente come il resto del suo corpo. Il suo naso è ampio e nero. Le orecchie sono mobili, lunghe, e cadenti ed aderiscono alla testa. I suoi occhi non sono mai sporgenti, e sono vivaci e brillanti, di colore nero o nocciola.

Ha una coda attaccata bassa e molto lunga, spesso incurvata. Se il suo pelo è lungo, è anche liscio e piacevole al tatto, e presenta delle frange agli arti. Se invece il pelo è corto, non presenta frange. Il pelo può avere vari colori: bianco, beige, isabella (tra il giallo e il marrone), oro, grigio e fuoco, nero e fuoco, tricolore (fuoco, bianco e nero).

Il peso del cane va solitamente dai 16 ai 25 Kg.

Carattere

Il carattere del saluki appare riservato ed indifferente, ma la verità è che si tratta di un animale molto tranquillo. Inoltre, è particolarmente intelligente, perché apprende velocemente e non sopporta quando lo si costringe a ripetere troppe volte le stesse cose.

Per questo motivo, per addestrare un saluki bisogna fare delle sessioni di addestramento rapide e variate, ma comunque regolari. Inoltre, non gli piacciono le maniere forti e i ricatti, detesta le urla e la violenza. Per educarlo e fargli apprendere nuove cose non bisogna insistere troppo o essere impazienti.

Questo animale è fedele, e se addestrato a dovere può diventare un ottimo animale domestico e da compagnia. Non è mai aggressivo, con la famiglia e spesso con gli altri animali della casa è protettivo e affettuoso, con gli estranei è spesso un po’ diffidente, soprattutto all’inizio.

Un’altra caratteristica che lo contraddistingue è il fatto di non essere mai troppo agitato, e di non abbaiare troppo. In particolare, non abbaia mai senza un vero motivo.

Salute

Il cane gode di buona salute, anche perché è molto robusto, sebbene apparentemente non sembri. Per rimanere in forma ha bisogno di fare molto movimento: del resto lo stesso saluki ha molta voglia di correre, essendo pieno di energie (nonostante il carattere molto tranquillo).

Come si comporta con i bambini

Con i bambini può convivere senza particolari problemi, gli piace giocare con loro. Tuttavia, ai bambini va insegnato che il cane certe volte vuole essere lasciato in pace. Infatti in certi momenti ha palesemente voglia di restare da solo, una caratteristica che lo differenzia da molte altre razze di cane.

Alimentazione

Il suo rapporto con il cibo è particolare: a differenza di altri cani potrebbe essere più schizzinoso nella scelta degli alimenti. Solitamente, mangia e beve di meno, e questo in parte spiega come mai tenda ad avere un fisico asciutto e povero di grassi. Assume in media circa 350-400 grammi di cibo al giorno.

Se alimentato con cibi pronti, è consigliabile seguire sempre le indicazioni presenti sulla confezione.

Per un’alimentazione corretta ed equilibrata, conviene rivolgersi ad un veterinario esperto, che farà le sue valutazioni anche in base allo stile di vita dell’animale.

Come allevarlo

Il saluki è piuttosto semplice da allevare ed addestrare, avendo un carattere ubbidiente ed essendo dotato di una buona salute, come per la maggior parte dei levrieri. Non conviene anestetizzarlo, perché potrebbe avere dei problemi di ipersensibilità, essendo un cane con un livello di grasso corporeo molto basso.

Questo animale non ama la vita sedentaria, preferisce muoversi spesso, e quindi adora fare molte passeggiate e corse.

La sua aspettativa media di vita è di 12-13 anni.

Rapporto con gli altri cani

Generalmente, il saluki tende a fare gruppo con altri saluki, snobbando altri cani. Se abituato a convivere con altri cani e altri animali fin da piccolo, può farlo tranquillamente anche da adulto.

Saluki Cuccioli

Il saluki può essere addestrato già a pochi mesi di vita, essendo tranquillo ed ubbidiente. Inizialmente può imparare cose semplici, specialmente con il gioco. Se lo si addestra sin dalla tenera età si avranno vantaggi notevoli quando sarà più grande.

Se abituato fin da cucciolo, può comportarsi bene anche in appartamento: di indole molto educata, è un animale che rispetta gli spazi ed è pure molto pulito. Tuttavia, avendo un fisico scattante, necessita di stare spesso all’aperto, per corse e passeggiate.

Saluki Prezzo

Essendoci diverse tipologie di saluki, non è facile indicare quanto costa uno di questi levrieri. Tuttavia in media ha un costo di 1200 euro circa: la somma è indicativa, ma ovviamente è bene stare attenti se lo si trova ad un costo di poche centinaia di euro.

Per essere certi di acquistare un saluki vero e in perfetta salute, conviene verificarne l’origine con gli appositi documenti, ed assicurarsi che nei confronti dell’animale siano state rispettate tutte le norme igienico-sanitarie.

Grazie per aver letto l'articolo!

Ti è piaciuto questo post? Condividilo con i tuoi amici.