Pinscher: caratteristiche, carattere e salute

pinscher

Ha origini tedesche. E molto recenti

Il Pinscher è un cane relativamente recente poiché è stato registrato per la prima volta nel 1879, nella sua versione media, e addirittura nel 1900 nella sua versione più piccola. Ha origini tedesche, anche se c’è chi dice che le sue origini bisogna farle risalire alla Preistoria poiché in Germania c’è stato solo il riconoscimento formale mentre sulla terra è apparsa già migliaia di anni fa. Nel 1895, a Colonia, invece, fu istituito lo German Pinscher-Schnauzer Klub. Insomma, se ti vuoi basare sui documenti, il cane ha origini ufficialmente nel XIX secolo mentre, se pensi a quando effettivamente ha messo piede sul pianeta, devi risalire a molto più indietro

Caratteristiche Fisiche

Una potenza mascellare molto forte

Questa razza di cane ha una potenza mascellare molto forte ed è geometricamente molto preciso, nel senso che ha dei lineamenti molto chiari e oseremo dire lineari, come se fossero stati fatti con una squadretta. Il Pinscher è molto robusto e la muscolatura è ben evidente. La testa è allungata e il dorso tende un po’ verso il basso (leggermente però!). Il pelo è liscio in maniera uniforme in tutto il corpo e, generalmente, è di colore nero, che occupa quasi tutta la parte centrale e le gambe. I piedi, invece, sono di colore rosso cervo, così come lo è parte del muso.

Carattere

Un cane energico, vitale ma che sa farsi volere bene

Un cane dalla forza superiore alla media che, però, quando vuole riesce a farsi apprezzare. Per questo, infatti, è un ottimo cane sia da compagnia che da guardia. Se riesci a entrare nelle sue grazie, infatti, è il primo a difenderti mentre, se lo fai arrabbiare, non esita ad attaccarti e a difendere il suo territorio. Infatti, se ci fai caso, è molto legato al padrone con cui instaura un rapporto di collaborazione: è vigile e determinato, e se qualcuno fa del male, appunto, al suo padrone, o comunque a qualcuno a cui tiene, fa di tutto per ribellarsi.

Salute

La salute è uno dei suoi punti di forza

Buone notizie per chi decide di allevare un Pinscher: come hai potuto intuire se hai letto la descrizione fino a qui, è un cane dove la salute è praticamente l’ultimo dei problemi. Salvo casi particolari (malattie ereditarie, trattamenti disumani o incidenti) è un cane che non richiede particolari cure. Certo, ciò non vuol dire che non devi prestargli attenzione da questo punto di vista, ma puoi anche lasciar da parte l’ansia. Inoltre, ha una soglia del dolore molto alta e, spesso, ti accorgerai solo in un secondo momento che può avere dei problemi. Un suo punto debole? Non si direbbe, avendo origini tedesche, ma soffre il freddo. Probabilmente dovuto al fatto che il pelo è corto e, quindi, non ha mezzi per difendersi dalle basse temperature.

Come si comporta con i bambini

Giocherellone ma non accetta i dispetti

Può essere il miglior amico dei bambini ma, all’occorrenza, anche il…peggior nemico. Andiamo con ordine. I bambini sono la compagnia perfetta per il Pinscher poiché tende a essere simpatico e giocherellone proprio con i più piccini. Inoltre, li difende con le unghie e con i denti qualora qualcuno dovesse fargli del male. Dall’altro lato, però, non sopporta i dispetti o che qualcuno possa prendersi gioco di lui e, quindi, da questo punto di vista bisogna stare attenti. Inoltre, non tollera molto che gli si stia troppo addosso e vuole comunque i suoi spazi, pur però mantenendo l’animo giocherellone.

Alimentazione

Preferisce il mangime secco

La quantità e il numero delle porzioni dipende dall’età e dal tipo di allevamento, in ogni caso, però, ha alcune preferenze ‘standard’ da tenere a mente per alimentare il cane Pinscher in maniera corretta. Innanzitutto preferisce il mangime secco, come i croccantini, che generalmente contiene tutto ciò che gli serve per una dieta equilibrata. Essendo un cane dalla forza elevata non può avere cibo scadente: cerca di non tirare troppo sul prezzo, potresti fare del male al tuo cane! Infine, se vuoi variare un po’ i suoi pasti, non mescolare secco e umido perché digerisce queste due tipologie di cibo in maniera diversa.

Come allevarlo

pinscher che guarda

Se gli offri delle ricompense tutto è più semplice

Il Pinscher è un cane che, per essere addestrato, ha bisogno di ricompense. Infatti, il consiglio migliore è quello di insegnargli i comandi avendo un croccantino in bella vista e fargli capire che, se esegue ciò che gli hai detto, lui potrà gustarlo. In particolare, ciò vale per il comando ‘Seduto’. Occhio, infine, al guinzaglio: come quasi tutti i cani non ama stare legato e, soprattutto all’inizio, potrebbe fare della resistenza. Tu non demordere e cerca di abituarlo: magari, almeno nelle prime volte, offrendogli la ricompensa che lui desidera…

Rapporto con gli altri cani

Diffidenza iniziale ma basta addestrarlo bene

Lo abbiamo detto prima: il Pinscher è un cane molto legato al suo padrone e lasciarlo in mezzo agli altri cani all’improvviso può farlo sentire a disagio. Quindi, inizialmente, il padrone deve essere presente quando è in presenza con gli altri cani per farlo sentire sicuro e, soprattutto, in modo che non si arrabbi subito. Del resto, si sa, soprattutto nei primi momenti la convivenza può essere difficile. Ma, con un po’ di impegno, anche il Pinscher riuscirà ad andare d’accordo con le altre razze.

Pinscher  Cuccioli

Il cucciolo Pinscher ha proporzioni perfette

Il Pinscher di cucciolo ha proporzioni perfette ed è ancora più geometrico della versione adulta. Attenzione, però, a un comportamento che può avere: capita spesso che rosicchia parti di un mobile o anche di un vestito. È un suo modo di sfogare la sua tristezza perché, nei primi mesi di vita, vuole tante attenzioni. E se non le ha, diventa triste, cupo, quasi come se fosse di un’altra razza. In questo caso, non devi altro che…dargli le dovute attenzioni!

Pinscher  Prezzo 

Il prezzo oscilla tra i 500 e i 1000 euro

Il prezzo del Pinscher può variare molto ed è facile trovare una persona che voglia vendertelo a 500€ e un’altra a 1000€. Nulla di strano, è uno dei pochi cani dove la differenza di prezzo non vuol dire per forza sinonimo di truffa. Però, ovviamente, se trovi un Pinscher a 200€ o 300€ qualche domanda devi fartelo e prima di pensare di aver fiutato l’affare…prendi le giuste contromisure!

Grazie per aver letto l'articolo!

Ti è piaciuto questo post? Condividilo con i tuoi amici.

Leave a Feedback!